Assistenza Remota Windows & siti Web
  
  
  

Lo scenario si svolge su computer munito di Windows 10 Professional connesso in rete tramite adattatore USB WIFI. Lo spegnimento improvviso del sistema operativo, causa temporale, è motivo dell’errore.

Conseguenze e anomalie

  1. Riavvio del PC senza connessione internet.
  2. Simbolo del WIFI assente già nella schermata di login
  3. Nessuna interfaccia Wireless nel sistema
  4. Icona con simbolo del mondo e dicitura: “Non connesso – nessuna connessione disponibile“;

Cliccandoci non viene visualizzato alcun SSID, come se la scheda di rete fosse spenta, danneggiata o assente. «Ho risolto tanti di quei problemi di connessione in passato, che riparare questo sarà un gioco da ragazzi!» ho saccentemente pensato.

La maggior parte degli utenti segnala l’errore in questione dopo aver applicato un aggiornamento di sistema o dopo la migrazione a una versione di Windows più recente. Nel mio caso qualcosa si era corrotto o danneggiato a causa dell’imprevisto spegnimento; Ma cosa? Una chiave di registro? Un servizio di Windows? Una libreria dinamica (DLL)? Un componente hardware? Scopriamolo insieme.

Deduzioni, prime verifiche e controlli di base

  • Riavvio del PC e controllo del disco
  • Router funzionante, luci verdi e segnale disponibile
  • Interruttore fisico di spegnimento wireless su ON
  • Gli altri dispositivi si collegavano alla rete Wireless
  • Sostituzione dell’adattatore USB WIFI
  • Il Visualizzatore eventi non fornisce dettagli di riguardo
  • Test integrità memoria RAM
  • Il computer non manifestava altri errori o anomalie
  • In Gestione Dispositivi la scheda di rete funzionava correttamente
  • In connessioni di rete la scheda era presente e abilitata

Decido di avviare la diagnostica dei problemi di rete WIFI e Windows mi segnala che “Il servizio wireless di Windows non è in esecuzione nel computer” e mi propone una soluzione che applico con scetticismo; Ottengo l’avviso “Impossibile risolvere automaticamente tutti i problemi individuati. Per ulteriori dettagli vedere di seguito”. Problema non risolto!

Il servizio wireless di Windows non è in esecuzione nel computer. Non risolto.

Il WIFI non funziona.

Wlan Autoconfig service missing.
Windows non è in grado di risolvere il problema

Info tecniche sul servizio WLAN Autoconfig

La diagnostica e risoluzione dei problemi di rete segnala un grattacapo riferito al servizio “Configurazione automatica WLAN“. Ecco la descrizione ufficiale di questo importante servizio:

“WLANSVC rende disponibile la logica necessaria per le attività di configurazione, individuazione, connessione e disconnessione relative a una rete locale (LAN) wireless (WLAN) in base a quanto definito negli standard IEEE 802.11. Questo servizio consente inoltre di trasformare il computer in un punto di accesso software, in modo che altri dispositivi o computer possano connettersi a tale computer in modalità wireless tramite una scheda WLAN che supporta questa funzionalità. L’arresto o la disabilitazione del servizio WLANSVC renderà tutte le schede WLAN nel computer non accessibili dall’interfaccia utente per le funzionalità di rete di Windows. È consigliabile eseguire il servizio WLANSVC se il computer dispone di una scheda WLAN”.

Questo servizio viene quindi utilizzato da Windows per rilevare e connettersi alle rete wireless. Se lo stesso non è in esecuzione, Windows non è in grado di gestire le reti wireless. E’ perciò indispensabile e possiede relazioni di dipendenza con ulteriori servizi che nel mio caso, erano correttamente avviati:

  • Chiamata di procedura remota (RPC)
  • Filtro Native WiFi
  • Servizio di interfaccia archiviazione di rete
  • Gestione connessioni Windows
  • Agente mappinng endpoint RPC
  • Utilità di avvio processi server DCOM

Il servizio configurazione automatica WLAN non si avvia

Tasto Win +R, digito “services.msc” e mi posiziono sul servizio Configurazione automatica WLAN, che risulta correttamente impostato su “Avvio Automatico” ma con stato arrestato. Eseguo un doppio click e dalla scheda Generale – Stato del servizio, clicco “Avvia” e appare l’errore “Impossibile avviare il servizio Configurazione automatica WLAN su Computer locale. Errore 0xc00ce508: 0xc00ce508“.

Nota bene: tentando di avviare il servizio può insorgere anche l’errore 1068, l’errore 122, l’errore 126, l’errore 1053, l’errore 1067, l’errore 1747, l’errore 999, l’errore 193: 0xc1, l’errore 1392, l’errore 1297, l’errore 605, l’errore 0xc00ce505; Per questi ultimi è possibile reperire soluzioni alternative altrove; La procedura illustrata potrebbe comunque rivelarsi vincente per alcuni di essi.

Verso fine articolo l’elenco degli errori correggibili al 100% con la soluzione proposta.

Impossibile avviare il servizio Wireless Configurazione automatica WLAN su Computer locale. Errore 0xc00ce508: 0xc00ce508.

WLAN service not starting.
Il fatidico errore WLAN AutoConfig Service failed to start

Controlli avanzati e possibili soluzioni

Nessuna di queste azioni pone fine all’errore 0xc00ce508:

  • Diagnostica e risoluzione problemi di rete
  • Uso di “services.msc” e verifica servizi di dipendenza
  • Controllo integrità dei file di sistema (sfc /scannow)
  • Ripristino di Winsock con Netsh
  • Ripristino della rete
  • Avvio pulito
  • Ripristino configurazione di sistema
  • Aggiornare, disinstallare o reinstallare i driver non aiuta
  • Controllo virus o malware inutile
  • Controllo di base e integrità dei servizi interessati tramite “regedit”

Poco male, ci lavoro da un po’ e sto ancora senza connessione internet. In rete reperire qualche informazione tecnica risolutiva è frustrante e infruttuoso; Gli articoli proposti sui siti web e nei forum sono poco istruttivi, tutti simili, scarni e nel mio specifico caso utili men che meno. Persino sul sito ufficiale di supporto della Microsoft non trovo risposte risolutive all’errore 0xc00ce508. Eseguire una installazione pulita, passare a una edizione successiva di Windows 10 o Windows 11, o addirittura formattare, come “gli esperti” suggeriscono, sono strade per me assolutamente impraticabili e da escludere categoricamente.

Un suggerimento: vi sono alcuni passaggi più o meno tecnici che dovrai affrontare e che a fine articolo cito marginalmente, ma che illustro dettagliatamente nello screencast; Ti consiglio pertanto di guardarlo prima di proseguire la lettura.

Video Tutorial

La luce in fondo al tunnel e la soluzione

Il servizio Configurazione Automatica WLAN è strettamente correlato alla cartella “C:\Windows\L2Schemas“, all’interno della quale sono presenti 19 file con estensione .xsd in formato XML, contenenti informazioni essenziali per l’avvio del servizio; Se qualcosa al suo interno si perde o si corrompe, il servizio WLAN Autoconfig non si avvia, restituendo, a secondo dei casi, differenti errori. E’ la mia ultima ancora di salvezza, non mi sovvengono altre soluzioni.

Attingo alla cartella in questione da un laptop con stesso Sistema Operativo e dopo una rapida comparazione visiva i files appaiono identici e integri e la dimensione di entrambe le copie è 107 KB. Sono un po’ deluso ma non demordo: l’intuito mi suggerisce di analizzarli più scrupolosamente. Faccio uso di un potente software ed effettuo una comparazione binaria e il rapporto che ne esce fuori è esaltante: 18 file identici e 1 differente. Il file “WLAN_policy_v1.xsd” ha dimensione 7,44 KB in ambedue le cartelle, eppure l’utility lo segnala non corrispondente.

Il servizio Configurazione Automatica WLAN è strettamente correlato a una cartella di sistema posizionata in "C:\Windows\L2Schemas".
Contenuto cartella L2Schemas
Il file "WLAN_policy_v1.xsd" ha in ambedue le cartelle dimensione 7,44 KB eppure l'utility lo segnala non corrispondente.
Comparazione binaria

Come accennavo il contenuto di questi file è compilato in formato testo con tag anch’essi in formato testo, pertanto sono tutti leggibili e modificabili con un comune text editor. Apro quindi il file con Notepad++ e mi accorgo immediatamente che il contenuto è alterato, indecifrabile, danneggiato o in formato sconosciuto. Una cosa è certa: non è linguaggio XML. Effettuo comunque un backup di sicurezza, sovrascrivo il file e…

  1. Il servizio Configurazione Automatica WLAN si avvia senza errori
  2. Le reti Wireless sono nuovamente disponibili
  3. La connessione internet torna immediatamente

Una nota: se qualcuno di questi files si altera o si perde durante l’uso del PC, il Wireless continua a funzionare, senza disconnettersi dal punto di accesso; Difatti l’errore si manifesta al riavvio del dispositivo, lasciando interdetti, disperati e senza connessione Wi-Fi moltissimi utenti. Tutto ciò accade perché il servizio Wireless di Windows, per potersi avviare, “deve solo leggere” le istruzioni contenute all’interno dei files xsd, senza farne uso continuo; Un po’ come accade in automobile quando inserisci la chiave (le istruzioni), giri il quadro (la loro lettura) e la macchina si avvia.

Il file WLAN_policy_v1.xsd è danneggiato e il servizio Configurazione Automatica WLAN non si avvia e da errore.
Comparazione file WLAN_policy_v1.xsd

Suggerimenti e info tecniche

Per poter sovrascrive il file danneggiato è necessario possedere privilegi amministrativi, divenire “proprietari” del file e modificarne le autorizzazioni. L’account utente TrustedInstaller viene utilizzato dal servizio Windows Modules Installer. Questo servizio è responsabile dell’installazione, della modifica e della rimozione degli aggiornamenti di Windows e di altri componenti facoltativi, quindi ha la capacità esclusiva di modificarli, eliminarli e sovrascriverli. Guarda il video.

Dal Prompt dei Comandi (amministratore) digitando il comando “takeown /f C:\Windows\L2Schemas\WLAN_policy_v1.xsd” puoi ottenere accesso al file diversamente inaccessibile. Per velocizzare questo passaggio puoi aggiungere al menu contestuale di Windows il comando “Acquisisci proprietà con un doppio click sul file “Aggiungi-Takeown.reg” contenuto in questo archivio (metodo consigliato). La nuova voce comparirà tenendo premuto il tasto MAIUSC e al contempo cliccando con il tasto destro del mouse su qualunque file o cartella.

Una ricerca nella directory “C:\Windows\WinSxS” ti consentirà di individuare i backup dei files .xsd compatibili al 100% con il tuo sistema; Nel mio caso la copia era comunque danneggiata. Dal file “install.wim” contenuto nella ISO di Windows, puoi procurarti la cartella “L2schemas”.

Per una questione di sicurezza, dopo aver impostato le corrette autorizzazioni al file sul tuo PC, puoi nuovamente riassegnare la proprietà all’account TrustedInstaller incollando la stringa “NT SERVICE\TrustedInstaller” nella scheda “Seleziona Utenti o Gruppi”.

Quali errori posso riparare seguendo le istruzioni di questo tutorial?

Il Servizio configurazione automatica WLAN restituisce errori dissimili in base al file danneggiato:

  • Errore 0xc00ce508 > WLAN_policy_v1.xsd
  • Errore 0xc00ce556 > WLAN_profile_v1.xsd, WLAN_profile_v2.xsd, WLAN_profile_v3.xsd, WFD_profile_v1.xsd
  • Errore 0xc00ce56d > OneX_v1.xsd, WFD_profile_v1.xsd, WLANAP_profile_v1.xsd

Ulteriori Errori/Cause:

  • L’Errore 0x80004005: Errore non specificato, si presenta se un file .xsd contiene errori interni di sintassi.
  • L’Errore 0xc00ce558 se un file .xsd è presente ma possiede 0 KB.
  • L’Errore 5: Accesso negato, avviene se un file .xsd è sprovvisto di permessi di lettura.
  • L’Errore 3: Impossibile trovare il percorso specificato, se manca la cartella “L2schemas”.
  • L’Errore 0x800c0006: Impossibile individuare l’oggetto specificato, in caso di files .xsd mancanti.
  • Se è assente il file “OneX_v1.xsd” l’errore riporta che “Il servizio Configurazione di sistema automatica WLAN su Computer locale si è avviato, quindi si è arrestato. Alcuni servizi si arrestano automaticamente se non sono utilizzati da altri servizi o programmi“.

I files contenuti nella cartella “L2Schemas“, disponibile a fine articolo, sono compatibili con Windows 7, Windows 10 e Windows 11 e potrebbero serenamente esserlo per versioni precedenti o successive. Confrontali con quelli in tuo possesso usando Beyond Compare o il classico Blocco note di Windows. Il metodo proposto consente di risolvere anche problemi di connettività relativi alla scheda LAN/Ethernet/WWAN e Hotspot. Se la soluzione illustrata è stata per te risolutiva, ti chiedo di segnalarlo indicando errore, sistema operativo e file danneggiato/sostituito.

Files contenuti nella cartella "L2Schemas" essenziali per avviare la rete Wireless e il Servizio configurazione automatica WLAN.
Elenco e dimensioni esatte xsd files

Curiosando: i profili Wireless e le password crittografate, sono archiviate in .xml nelle sottocartelle in %ALLUSERSPROFILE%\Microsoft\Wlansvc\Profiles\Interfaces.

Download cartella L2Schemas: Windows 10Windows 7Windows 11

Hai gradito questo post? Lo ritieni valido? Ti è stato utile?
  • MOLTO
  • SI DAI
  • CERTO
  • IN PARTE
  • NO
  • POCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *