Siti web e assistenza remota

Ultimo aggiornamento 20 Marzo 2012

Mi viene da sorridere.
No, non ridere, ma sorridere.

Che differenza c’é?

Beh, sarebbe come concedere una carezza o dare uno schiaffo:
in ambedue i casi, sempre dalla mano nascerebbe il tutto.

Puoi avermi, é vero;
Con la forza del pensiero o con la forza del desiderio,
eppure così non mi avrai mai come quando mi hai avuto.

Lo conosco questo gioco,
é tra i miei preferiti.

Plasmami come mi avresti sempre voluto e come forse sono stato;
Bevimi, dissetati, divorami, inghiottimi,
ma per favore, tralascia occhi e tocchi e…

amami.

Amami, perché se non riesci più a farlo,
la carezza che ora avverto,
é solo una sberla camuffata dal rosso di questo calice.


Hai gradito questo contenuto? È risultato utile?
  • MOLTO
  • SI DAI
  • CERTO
  • IN PARTE
  • NO
  • POCO
Hai gradito questo contenuto? È risultato utile?
  • MOLTO
  • SI DAI
  • CERTO
  • IN PARTE
  • NO
  • POCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta a Amami

  • Amami…

    Che cos’è questa?
    Una richiesta?
    Un ordine?
    Una supplica?

    Non posso rispondere a nessuna di queste cose.

    L’amore sì da e si riceve e se tu lo senti vuol dire che c’è, quando non lo sentirai più vorrà dire che non ci sarà più.
    Non avere timore, questo gabbiano è troppo furbo , troppo attento, troppo accorto, nulla lo può ingannare.
    Non è una gazza ladra, non confonde gli oggetti solo perché luccicano e non confonderà l’amore con l’affetto né tanto meno con un finto amore, che è la cosa peggiore.

    Mi fido delle sue egoiste lucenti ali bianche, bordate di nero.

    Sai chi sono.
    Sai come sono.

    Il resto non conta.