assistenza remota informatica
  
  
  

Rovisto nella mansarda della mia mente.
Palpita un religioso equilibrio.
 
A piedi scalzi, con controllati passi,
scanso infiniti ricordi.
 
Del silenzio, afferro le mani
e lentamente, su me stesso volteggio.
 
Che odori e quanti colori intorno a me!
E poi dicono che non ho niente.
 
Sorrido…
E’ perchè non vedono i miei nascosti tesori.
 
Non sanno che in questo luogo
la ruggine non logora e i furfanti non portano via.
 
Tiro un sospiro lunghissimo,
che laggiù, segretamente porterò.
 
Mi fermerei qui per sempre…
ma là fuori, il tempo, chiede di me.

Hai gradito questo post? Lo ritieni valido? Ti è stato utile?
  • MOLTO
  • SI DAI
  • CERTO
  • IN PARTE
  • NO
  • POCO

Una risposta a La mia mansarda

  • Non è che tu non abbia niente.

    E’ che di questi "nascosti tesori" non concedi niente a nessuno.
    E quante sono le volte in cui tu stesso rovisti "nella mansarda della tua mente"?
     
    Sei come uno specchio.
    Rifletti tutto ciò che ti circonda e provi infinito piacere nel sentirti pieno di queste immagini.
    Ma ti sei mai accorto che gli oggetti spariscono?
    E’ vero… talvolta vengono sostituiti.. ma talvolta i grandi specchi rimangono coperti da un panno nelle vecchie case abbandonate. Non importa se una volta riflettavano re e sovrani, o infinite ricchezze.
     
    Alla fine.
    Rimangono soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *