assistenza remota informatica
  
  
  

fogli

Ho pianto stanotte.

L’ho fatto con gli occhi, ma soprattutto col cuore.
Ho ripensato a quel bocciolo bellissimo, piccolo e raro che sei tu, amore.
Ho considerato tutte le volte che non ti ho innaffiata,
tutte le altre in cui non ti ho curata come avresti meritato.

Il sole picchiava forte, ma ero troppo impegnato a planare nei miei azzurri spazi,
ad ali spiegate, per impiegare le stesse e metterti al riparo dalla calura.

Avrei potuto scaldarti, quando il buio della notte portava il prepotente gelo,
ma io troppo distratto e immerso nella culla dei Continua a leggere

Malagevole narrarti il vissuto di questi giorni.
Potrei metterci tutta la mia solerzia,
ma non ti trasmetterei neppure la minima parte di quello che ho vissuto.
Ci provo, non mi costa nulla.
 
Mi perdurano le sensazioni, i timbri, le colorazioni, gli odori.
 
L’allegro sole che spaccava il buio del bosco,
penetrando attraverso il verdeggiante fogliame di quei dignitosi e altissimi alberi;
Raggi di luce, che come rilucenti spade,
venivano giù in picchiata a squassare il tappeto di foglie secche,
che gentilmente scricchiolava sotto i piedi scalzi e ormai sudici di natura.
 
La vista e il penetrante profumo del lago verde smeraldo,
che accompagnava le giornate senza tempo e
aleggiava inconsueto sulle nostre fragili vite. Continua a leggere

Mi ritrovo a scrivere e immortalare pensieri dopo un secolo di assenza;
No, non alludo a quella fisica, del corpo,
perché quella della mente va oltre lo spazio, oltre il tempo,
al di là del moto incessante di quei detestabili aggeggi,
che l’uomo ha sadicamente brevettato e che tutti chiamano orologi.
 
Rifletto.
Mi accorgo che di questo mondo virtuale non mi è mancato nulla o quasi.
I fiori giallo-sole di questi fogli sono e Continua a leggere

Eccessivi pensieri stanotte.

Talmente tanti che paradossalmente non riesco
ad afferrarne neppure uno di senso compiuto.
E’ come se centinaia di bocche mi sussurrassero qualcosa
e ognuna di loro mi comunicasse con tono diverso,
strano, difforme, dissonante, ma pur sempre tenue,
impalpabile, vaporoso, echeggiante;

Vorrei poterle catturare, immergerle e
Continua a leggere

Eppure mi sono deciso a scrivere!
 
Non so preciso cosa mi spinge a farlo, ma una cosa tuttavia è certa
come questa bellissima giornata di Luglio:
sto intigendo questi fogli di bit coi miei impensati pensieri.
Vorrei potermi concentrare, ma qualcuno (vedi Peppino)
mi sta stressando con l’Italia, la Juve e il Milan e pappardelle varie.
 
Peppe, o Peppe, ma cosa vuoi m’importi se le squadre vincono,
salgono o scendono in B, C, D e/o Z ??!!
Lascia che cambi cantante che De Marinis oggi mi ha davvero scocciato!
 
E’ mezz’ora che avanzo con la ricerca casuale,
ma non trovo nulla che riesca a soddisfare la mia Continua a leggere